Brioche catanesi per granita

>> lunedì 21 settembre 2009




Se d'inverno il catanese doc, per la sua colazione si butta un pò più sul pesante, puntando su iris, raviole e panzerotti, d'estate e d'obbligo la granita, e con la granita non può mancare la brioches!!
Questa ricetta è frutto di tanti tentativi, insuccessi, delusioni fino a quando, con mia grande soddisfazione, ho ottenuto delle brioches meravigliose, profumate e soffici, meglio di quelle del bar, sprattutto se mangiate calde, appena sfornate!!
Ecco gli ingredientti:

250 g. farina Manitoba
250 g. farina 00
150 g. zucchero
75 g burro
10 g. sale
8 g di lievito di birra
175 g di latte (a temp. ambiente)
un cucchiaio di miele
2 uova
tre goccie di aroma panettone e due di aroma burro (in mancanza la buccia grattuggiata di una arancia)

Procedimento:

Sbriciolate il lievito in una terrina, aggiungete circa metà del latte e tanta farina quanta ne basta per formare una massa compatta. Fate un taglio a croce e coprite con pellicola. Fate riposare per una mezz'oretta o fino al raddoppio (a seconda della temperatura potrebbe volerci più o meno tempo).
Trascorso il tempo sciogliete il sale nel restante latte e unite in un'altra ciotola (o nell'impastatrice) tutti gli ingredienti tranne il burro.
Unite i due impasti ottenuti (quello lievitato e quello appena fatto) e mescolate molto bene con le mani o con l'uncino dell'impastatrice.Raccogliete l'impasto in una palla (deve essere morbido-elastico ma non deve appiccicare alle mani) Fate riposare mezz'ora.
Tagliate il burro freddo di frigo a pezzetti ed unite al composto, impastando bene per farlo assorbire all'impasto.
A questo punto copriamo con un canovaccio umido o con il celophane, avendo in questo caso l'accortezza di lasciare uno spiraglio aperto attraverso il quale l'impasto possa "respirare" e mettiamo a lievitare in un luogo caldo (almeno 26 gradi) per almeno quattro ore.

Trascorso questo tempo riprendiamo l'impasto e formiamo delle palle (io vado ad occhio ma devono essere piccole perchè lievitano molto, orientatevi sui 100 gr) alle quali formeremo un cappellino sopra. Potete utilizzare il metodo delle pieghe per fare crescere maggiormente le vostre brioches e renderle più uniformi.


Copriamo con un telo e mettiamo a lievitare. Questa lievitaione sarà più lenta, quindi vi consiglio di mettere a lievitare tutta la notte.
Trascorsa la lievitazione spennelliamo con del rosso d'uovo ed inforniamo a 180 gradi.


Eccole prima di infornarle:


Devono essere messe in forno CALDO ed essere tirate fuori non appena vedete che la parte spennellata diventa scura, davvero pochissim minuti, quindi controllatele! Non lasciatele assolutamente in forno più del necessario neanche a forno spento perchè seccano e perdono tutta la loro morbidezza!!



TEMPISTICA
Per avere le brioches al mattino io inizio la lavorazione alle 5 del pomeriggio. E' un orario che vi consiglio perchè permette di farle lievitare tutta la notte.

2 commenti:

Drums 19 ottobre 2009 13:32  

E' piuttosto impegnativa come preparazione: mi sa che dovrò aspettare la prossima estate (oppure, chissà, magari a Natale).

Cinzia 2 novembre 2009 04:57  

Ma no, ti assicuro che è una preparazione molto semplice, ha solo dei tempi un pò lunghi, quindi bisogna organizzarsi, l'ideale sarebbe prepararle il sabato per la domenica mattina, così da svegliarsi col profumo di brioches appena sfornate!

Creative Commons License Questo blog è protetto da licenza Creative Commons: prima ddi utilizzare o diffondere qualsiasi contenuto si prega di chiedere l'autorizzazione al proprietario. MacondoExpress by Cinzia Arena is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License. Permissions beyond the scope of this license may be available at http://macondoespress.blogspot.com/.

  © Blogger templates Sunset by Ourblogtemplates.com 2008

Back to TOP